La ceramica è una delle eccellenze italiane che il mondo ci riconosce. L’articolo 45 della nostra Costituzione prevede la tutela e lo sviluppo dell’artigianato, ma nonostante siamo leader mondiali, questo mondo produttivo unico per il suo straordinario valore culturale oggi è a rischio per alcuni gap di competitività: energia, costo del lavoro, infrastrutture e burocrazia.

Per tutelare il comparto della ceramica artistica e tradizionale è stato presentato un emendamento al Dl Sostegni ed è attualmente al vaglio delle commissioni Bilancio e finanze del Senato.

Il presidente di CNA Artistico e Tradizionale, Andrea Santolini, ne ha parlato ai microfoni di Radio Immagina: “L’emendamento al Dl Sostegni in questo momento è indispensabile per un settore che sta soffrendo per la mancanza del turismo, ma anche perché dovremo riprendere una sensibilità nei confronti di un pezzo della cultura del nostro Paese, perché l’artigianato artistico è anche questo”.

Santolini ha poi affrontato il tema della formazione per i giovani che vogliono intraprendere questo mestiere “Come CNA già da tempo collaboriamo con gli istituti artistici elaborando protocolli di intesa per la trasmissione del saper fare delle nostre imprese artigiane. Dobbiamo quindi collaborare con le altre parti sociali e con le istituzioni per arrivare a rivalutare i nostri mestieri artistici. Tutto il mondo ci invidia queste peculiarità che noi a fatica riusciamo a valorizzare completamente e l’emendamento presentato va proprio in questa direzione” ha concluso il presidente di CNA Artistico e Tradizionale.

Clicca qui per ascoltare l’intervista.